COMUNICATI STAMPA FERRARA

FERRARA

Il 30 gennaio una grande mobilitazione del settore agricolo

“Il 30 gennaio a Ferrara ci sarà la più grande mobilitazione del settore agricolo degli ultimi anni, che coinvolgerà le filiere agroalimentari di tutto il Centro Nord. Scenderemo in piazza perché la nostra crisi di liquidità è diventata insostenibile e le istituzioni non stanno facendo abbastanza per salvare le aziende agricole, le cooperative e il reddito di coloro che sono occupati nel settore” – ha spiegato Stefano Calderoni, coordinatore di Agrinsieme Ferrara nel corso della conferenza stampa di lancio dell’iniziativa.

Continua a leggere

Herbert Dorfmann incontra gli imprenditori agricoli di Ferrara

FERRARA, 10 gennaio 2020 – Cosa farà l’Europa per sostenere le aziende agricole colpite dalla crisi e quale direzione prenderà l’agricoltura italiana con l’entrata in vigore della nuova Politica Agricola Comune? Domande cruciali per il settore, tanto che Agrinsieme Ferrara – Il coordinamento di Cia-Agricoltori italiani, Confagricoltura, Copagri e Alleanza delle Cooperative Agroalimentari che unisce il 60% delle aziende agricole ferraresi e vale il 70% delle giornate lavorate – ha invitato a Ferrara Herbert Dorfmann, deputato al Parlamento Europeo e membro della Commissione Agricoltura, per attivare con lui una discussione sulla nuova Pac, e sulla disponibilità di fondi a sostegno delle aziende colpite dalla cimice asiatica.

Continua a leggere

Agrinsieme Ferrara lancia una grande mobilitazione “di filiera”

FERRARA, 18 dicembre 2019 – “Nessuna possibilità che al settore agricolo siano destinate più risorse a breve termine, per superare la crisi di liquidità che lo attraversa, nessuna data certa per la sospensione dei mutui o del pagamento degli oneri previdenziali.  Vista questa profonda mancanza di attenzione, andremo avanti con una grande mobilitazione che coinvolgerà tutte le province frutticole, della nostra Regione e non, che vorranno aderire” – commenta Stefano Calderoni, coordinatore di Agrinsieme Ferrara.

Continua a leggere

Agrinsieme Ferrara: a Roma per chiedere sostegno alla nostra frutticoltura

Un’ampia rappresentanza di Agrinsieme Ferrara ha partecipato oggi a una serie di incontri davvero cruciali per la frutticoltura ferrarese e italiana, in rappresentanza delle regioni flagellate dalla cimice asiatica. Il coordinatore e presidente di Cia Ferrara Stefano Calderoni, Gianluca Vertuani presidente di Confagricoltura e Albano Bergami, presidente commissione frutticola nazionale di Confagricoltura, hanno fatto parte della delegazione ricevuta prima al ministero delle Politiche Agricole, poi dai due presidenti delle Commissioni Agricoltura di Senato, Gianpaolo Vallardi, e Camera dei Deputati, Filippo Gallinella.

Continua a leggere

Pronti per il futuro della sostenibilità energetica

Taglio del nastro sul nuovo polo operativo di Energista, la divisione di Cia-Agricoltori Italiani che si occupa di tutela sul mercato dell’energia e di valorizzazione del potenziale agro-energetico delle aziende. Sabato 7 dicembre gli uffici hanno aperto ufficialmente le porte al pubblico, inaugurando letteralmente un nuovo approccio dell’associazione nei confronti di un tema, quello energetico, fortemente legato al settore agricolo e alla sostenibilità ambientale.

Continua a leggere

Agrinsieme Ferrara: mobilitazione permanente di aziende agricole e cooperative agroalimentari

Risposte concrete e date certe per l’attuazione dei provvedimenti presi a livello regionale e nazionale per sostenere le aziende agricole colpite da cimice asiatica e le altre gravi fitopatologie del pero. Questo chiede il coordinamento di Agrinsieme Ferrara – che riunisce Cia – Agricoltori Italiani, Confagricoltura, Copagri e Alleanza delle Cooperative Agroalimentari – che ha fatto il punto sulla situazione di aziende e cooperative in occasione di FuturPera – Salone internazionale della Pera. L’obiettivo di mantenere costante l’attenzione sulle difficoltà del comparto dopo l’importante mobilitazione, organizzata lo scorso 18 settembre a Ferrara e in tutte le province della Regione.

Continua a leggere

Il Premio Bandiera Verde Agricoltura a due eccellenze ferraresi

Sono stati consegnati a Roma, nella prestigiosa Protomoteca del Campidoglio, i riconoscimenti di Bandiera Verde Agricoltura 2019, il Premio promosso da Cia-Agricoltori Italiani, giunto alla XVII edizione. Tra i sedici “campioni” dell’agricoltura italiana, suddivisi per categorie, ci sono due eccellenze ferraresi, che si sono distinte per essere riuscite a valorizzare il patrimonio agricolo, enogastronomico e ambientale in maniera sostenibile: la Coop Giulio Bellini e il Parco del Delta del Po Emilia-Romagna.

Continua a leggere

Positive le prime proposte della ministra Bellanova, ma servono più risorse

Una dotazione finanziaria di 80 milioni di euro in tre anni, una moratoria sui mutui in essere, nuovi strumenti assicurativi per il rischio in agricoltura e una riforma del Fondo di Solidarietà Nazionale. Sono questi i punti indicati da Teresa Bellanova, ministro delle Politiche Agricole, durante l’incontrato in prefettura con rappresentanti del mondo agricolo, per discutere della grave crisi del settore frutticolo colpito dalla cimice asiatica.

Continua a leggere

Non si tutela l’ambiente togliendo il gasolio agricolo agevolato

Non si tutela l’ambiente togliendo il gasolio agricolo agevolato

“Togliere le agevolazioni e aumentare le accise per l’acquisto del gasolio a uso agricolo vorrebbe dire un ulteriore aumento dei costi di produzione per le aziende. E il settore non se lo può davvero permettere, visto che già così i prezzi pagati all’origine non coprono le spese sostenute per produrre e le aziende hanno i redditi sostanzialmente azzerati.” – spiega Stefano Calderoni, presidente provinciale di Cia – Agricoltori Italiani Ferrara.

Continua a leggere

Centinaia di agricoltori in piazza contro la crisi del settore

“Oggi centinaia di agricoltori sono scesi in piazza uniti, chiedendo a gran voce un sostegno immediato e concreto per superare i principali problemi del settore, in particolare l’invasione della cimice asiatica e i prezzi di mercato che non valorizzano i prodotti all’origine. Siamo soddisfatti di questo risultato, il primo passo di quella che sarà una “mobilitazione permanente”, per far rimanere viva l’attenzione sulla nostra agricoltura e verificare che le nostre richieste vengano effettivamente ascoltate.” – commenta il coordinamento di Agrinsieme Ferrara (Cia – Agricoltori Italiani, Confagricoltura, Copagri e Alleanza delle Cooperative Agroalimentari) che ha organizzato la mobilitazione, aderendo a un’iniziativa che si è svolta contemporaneamente in tutta la Regione.

“Nelle altre province hanno scelto di riunirsi in presidio sotto le prefetture, ma a Ferrara – continua il coordinamento di Agrinsieme – abbiamo preferito la forma della mobilitazione di piazza, perché gli agricoltori volevano essere in prima linea e dare un segnale concreto a tutta la città. La nostra è una delle principali province frutticole, basti pensare che produciamo il 60-70% delle pere italiane, e la cimice ha colpito duro, sterminando interi raccolti. E dove non è arrivata la cimice è arrivato il mercato, che continua a “deprezzare” i prodotti all’origine, cancellando i redditi delle aziende agricole e mettendo in difficoltà intere filiere. Dunque chiunque voglia mangiare cibo sano e di qualità deve sapere che questo è possibile solo se il nostro sistema agroalimentare funziona,  è equo e rimane remunerativo per le aziende agricole e le filiere”.

Il corteo –  al quale hanno partecipato anche il sindaco di Ferrara Alan Fabbri, il consigliere regionale Paolo Calvano e molti sindaci del territorio – è partito da Porta Paola per fermarsi poi in piazza Savonarola, per i discorsi dei rappresentanti delle organizzazioni agricole e cooperative agroalimentari. Si è poi diretto alla prefettura dove una delegazione di agricoltori, sindaci del territorio, rappresentanti dei sindacati dei lavoratori e degli azzerati Carife ha consegnato alla viceprefetto vicario Pinuccia Niglio un documento dove si chiedono alcuni interventi immediati per consentire alle aziende agricole di risollevarsi.

“La Viceprefetto ha naturalmente ascoltato con attenzione le nostre problematiche e ci ha assicurato che le trasferirà al nuovo Governo, sollecitando un intervento tempestivo. Tra i punti posti contenuti nel documento anche la richiesta di velocizzare l’iter per la diffusione dell’antagonista naturale, ovvero la vespa samurai; di tenere attive le molecole in scadenza e di stanziare risorse per risarcire i numerosissimi agricoltori danneggiati, andando a intervenire sulla normativa europea che vieta gli aiuti di stato per le calamità ‘non da quarantena’. Qualcosa, dunque, si sta certamente muovendo a livello istituzionale – continua Agrinsieme Ferrara – e pensiamo che l’azione congiunta in tutte le prefetture di un’intera Regione sia un segnale che a Roma non potranno ignorare. Proprio ieri, peraltro, è arrivato anche l’impegno di Simona Caselli, assessore regionale all’Agricoltura – in visita ad alcune aziende ferraresi colpite dalla cimice asiatica – per sollecitare al Governo fondi da destinare immediatamente alle aziende agricole. Passi avanti importanti, ottenuti anche grazie all’impegno di tutto il mondo agricolo che non è certamente rimasto a guardare mentre le sue principali produzioni frutticole rischiano di scomparire”.

 

C.I.A. EMILIA ROMAGNA – VIA BIGARI 5/2 – 40128 BOLOGNA BO – TEL. 051 6314311 – FAX 051 6314333
C.F. 80094210376 – PEC: amministrazione.er@cia.legalmail.it

Privacy Policy  –  Note legali

WhatsApp chat