Tag: Cia Imola

GAL “Investimenti in aziende agricole“

Il GAL Appennino Bolognese pubblicherà un bando con la finalità di incentivare l’ammodernamento delle dotazioni strutturali e produttive delle aziende agricole. L’operazione è rivolta alle aziende agricole ricadenti nel territorio di competenza del GAL Appennino Bolognese (area svantaggiata). I settori di riferimento per la realizzazione degli investimenti sono carni bovine; carni suine; ovicaprini; avicunicoli e uova; castanicoltura; cerealicolo; foraggere; sementi; patate; ortofrutta fresco+trasformato; olio; officinali; lattiero caseario; api-miele; funghi; allevamento chiocciole; vitivinicolo. Gli investimenti ammissibili a finanziamento riguardano i macchinari e attrezzature funzionali al processo innovativo aziendale; i miglioramenti fondiari; costruzione/ristrutturazione di immobili produttivi; impianti di irrigazione; realizzazione di invasi ad uso irriguo e acquisto di programmi informatici. Per ricvere ulteriori informazioni contattare l’ ufficio consulenza allo 0542/646111.

Borsa Merci Telematica Italiana Nuovo servizio della Cia di Imola

La Cia di Imola tramite la propria società di servizi Nuova Agricoltura Srl, mette a disposizione delle aziende agricole un nuovo servizio professionale per la commercializzazione dei prodotti agricoli grazie alla collaborazione con la Borsa Merci Telematica Italiana. Si tratta del mercato telematico regolamentato dei prodotti agricoli. Attraverso una piattaforma telematica unica a livello nazionale di negoziazione, la BMTI consente lo scambio quotidiano e continuo di merci e di derrate agricole da postazioni remote. Questa Borsa è stata istituita, come previsto dalla legge, dal Ministero dell’Agricoltura nel 2006 ed è gestita da una società di proprietà del sistema camerale italiano. E’ un mercato reale e non finanziario, infatti i venditori consegnano sempre il prodotto agli acquirenti con i quali hanno concluso il contratto sulla Borsa Telematica. Le aziende agricole, per vendere i propri prodotti su BMTI, devono essere preventivamente accreditate. Le contrattazioni avvengono attraverso i Soggetti Abilitati all’Intermediazione (SAI) che hanno la funzione di raccogliere e gestire gli ordini all’interno della Borsa Merci Telematica Italiana.  Nuova Agricoltura srl ha ottenuto l’accreditamento come SAI e è stata inserita nell’elenco dei Soggetti Abilitati all’intermediazione. Questa nuova opportunità rappresenta uno strumento regolamentato ed innovativo volto a favorire l’incontro tra le proposte d’acquisto e vendita mediante un meccanismo ad asta continua che rispecchia le reali dinamiche del mercato.  Attraverso questo sistema di contrattazione si intende assicurare efficienza e razionalità ai mercati e determinare in tempi rapidi e in modo trasparente i quantitativi scambiati ed i prezzi realizzati. Le aziende agricole interessate possono rivolgersi all’Ufficio Consulenza della Cia di Imola.

Dopo la campagna elettorale non dimentichiamoci dell’agricoltur

Sono ormai passate alcune settimane dagli incontri che vedevano seduti allo stesso tavolo, Giordano Zambrini Presidente della Cia di Imola e diversi suoi associati, con i candidati a sindaco del Comune di Imola, per confrontarsi sulle complesse tematiche dell’agricoltura imolese. Ora, dopo le elezioni, e nel congratularci con la neo Sindaca Manuela Sangiorgi, poniamo l’attenzione su quanto emerso dai confronti effettuati, ossia che l’agricoltura del nostro circondario ha bisogno di interventi e di progettualità, che non siano astratti e calati sul territorio, ma devono essere condivisi con le realtà che vi operano. Proprio per affermare questa necessità, Andrea Arcangeli responsabile relazioni sindacali della CIA di Imola, evidenzia che l’agricoltura è cambiata radicalmente negli ultimi anni e cambierà ancora di più in quelli che verranno, perché sarà chiamata a rispondere anche ai nuovi indirizzi della PAC. Non si parla più, di solo coltivazione ma anche di benessere, ambiente,  salubrità, fin anche di paesaggio, spiega Arcangeli. In tutti i confronti che si sono svolti tra candidati e Cia, è emersa la necessità di valorizzare il territorio, aiutando le imprese agricole anche tramite un dialogo più serrato con le amministrazioni comunali, passando magari dalla condivisione a tutti i livelli, di una Cabina di Regia, più volte nominata ma mai praticata. La CIA di Imola, sottolinea il Presidente Giordano Zambrini, proseguirà con forza nella condivisione e nella proposizione del suo progetto di Cabina di Regia con tutti coloro che vorranno prenderne visione e ne condividono gli obiettivi. Nello stesso tempo e modo, il nostro manifesto programma “agricoltura, territorio, e benessere”, è un progetto che coinvolge i cittadini e il mondo associativo ed economico, e le centinaia di firme raccolte sino ad oggi e che continueremo a raccogliere nelle prossime settimane, ne sono la testimonianza. Auspichiamo che questa nostra visione e il metodo di confronto che abbiamo proposto, continua Zambrini, possano essere condivisi anche con la nuova Amministrazione.

Luana Tampieri presidente di Donne in Campo Emilia Romagna

Luana Tampieri, imprenditrice agricola di Imola e già vicepresidente della Cia di Imola, è la nuova presidente regionale di Donne in Campo, l’associazione della Cia che si occupa delle politiche femminili nel settore primario e che intende valorizzare il lavoro delle donne imprenditrici.

E’ stata eletta dall’assemblea delle delegate il 13 giugno. Luana Tampieri succede a Sofia Trentini che lascia la poltrona dopo la sua elezione nel maggio del 2008. La neo presidente è nata a Castel San Pietro Terme il 15 dicembre 1986 e vive a Sesto Imolese una frazione di Imola. Ha conseguito il diploma di tecnico della gestione aziendale presso l’istituto di scuola media superiore “Paolini-Cassiano”, in seguito si è laureata in Economia e Gestione Aziendale. Da sempre è attiva nell’azienda di famiglia ad indirizzo ortofrutticolo ma ha anche lavorato presso due studi contabili di Imola e presso un’azienda controllata dal gruppo Hera. “Sono molto contenta della possibilità che mi è stata offerta di intraprendere questo percorso. – ha detto Luana Tampieri al termine della votazione. – Ringrazio il presidente Cristiano Fini e il presidente Giordano Zambrini per aver creduto nelle mie capacità ma un ringraziamento lo rivolgo anche a Sofia con la quale ho avuto il piacere di collaborare più attivamente in questo ultimo anno grazie ad iniziative pubbliche dove sono stati affrontati, tra gli altri, temi come lo scarso ricambio generazionale in agricoltura, il difficile ruolo delle donna all’interno del sistema agricolo, il mancato idoneo riconoscimento economico dei nostri prodotti, il problema quotidiano della burocrazia. C’è stato anche spazio per “Scatti di Campagna”, una mostra fotografica che ha fatto conoscere il nostro mondo di donne, imprenditrici agricole, mamme e nonne attraverso le nostre scelte di vita. L’obiettivo di queste, e di altre iniziative intraprese fino ad ora dall’Associazione Donne in Campo, ha avuto anche lo scopo di dar voce alle donne che lavorano in agricoltura, argomento di cui troppo poco si parla. Anche grazie alle donne sono nati gli agriturismi, le fattorie didattiche, i mercatini e il Km zero attraverso la spesa in campagna. Credo fortemente che questi cambiamenti all’interno della Cia, si sono ottenuti perché è un’associazione che sostiene da anni i valori di autonomia, solidarietà, rispetto per l’ambiente, progresso attraverso nuove forme di comunicazione, ricambio generazionale e l’ingresso di donne attraverso la nascita, appunto, di Donne in Campo. Tutti elementi fondamentali per la dignità dell’uomo. C’è, però, ancora molto da fare. La strada che vorrei intraprendere nei prossimi quattro anni si concentrerà proprio sulla comunicazione e sulle donne che io rappresento in questa sede. Il mio desiderio è poter coinvolgere ed unire sempre più il mondo femminile nelle varie iniziative”.

 

Sei in regola con la privacy?

Vieni a scoprirlo all’incontro promosso da Cia Imola Giovedì 21 giugno alle ore 18.30 in Via Fanin 7/A Imola

Il relatore sarà l’AVV. MONICA MONARI, Consulente in materia agro – alimentare e vitivinicola

Il regolamento generale sulla protezione dei dati ( GDPR – Reg. UE 2016/679) è già pienamente operativo dal 25 maggio 2018.

La Commissione Europea intende rafforzare e rendere più omogenea la protezione dei dati personali sia all’interno, sia all’esterno dell’Unione.

La normativa è ampia e complessa.

L’adeguamento sembra essere relativamente facile, ma da considerare sono gli aspetti legali e informatici diversi, in base al tipo di organizzazione, se di grandi dimensioni o meno, se svolge attività solo nel territorio Nazionale oppure anche in Stati extra UE.

QUESTI SONO SOLO ALCUNI DEGLI ASPETTI CHE VERRANNO TRATTATI DURANTE IL NOSTRO INCONTRO.

Scrivici a imola@cia.it (POSTI LIMITATI)

Agea: Cia, ultimo atto Governo uscente inopportuno nei tempi e inefficace negli effetti

La situazione è drammatica. Mentre aspettiamo da tempo che i pagamenti per gli agricoltori vengano sbloccati e che si avvii una riforma efficace di Agea, il Consiglio dei ministri uscente ha licenziato un decreto sulla riorganizzazione dell’Ente pagatore, introducendo una normativa inopportuna nei tempi di approvazione e inefficace in termini di effetti reali sul settore.

Continua a leggere

Al Sersanti l’europarlamentare Dorfmann invitato dalla Cia di Imola

Sabato 12 maggio, nella cornice di Palazzo Sersanti ad Imola, si è svolto il convegno, organizzato dalla Cia Imola, dal titolo «I nuovi indirizzi della Politica Agricola Comune 2020-2027». Come noto la Pac (Politica Agricola Comune) rappresenta l’insieme degli interventi che l’Unione europea, fin dalla sua nascita, ha inteso darsi riconoscendo la centralità del comparto agricolo per uno sviluppo equo e stabile dei Paesi membri.

Continua a leggere

Novità normative sull’ etichettatura degli alimenti

Dal 5 aprile 2018 sarà applicabile in Italia l’obbligo di indicare sull’etichetta dei prodotti alimentari la sede e l’indirizzo dello stabilimento di produzione o, se diverso, di confezionamento. (Decreto Lgs. 15 settembre 2017 n° 145) La nuova normativa prevede un periodo transitorio di 180 giorni dalla data di pubblicazione del suddetto Decreto ( 7 ottobre 2017) per lo smaltimento delle etichette già stampate senza l’indicazione dello stabilimento di produzione o confezionamento fino all’esaurimento delle scorte.

Continua a leggere

Il presidente Cia Scanavino avverte: Filiera Italia ed etichettatura sono solo propaganda

Cari Associati, la crescita competitiva del sistema agroalimentare italiano è stata storicamente condizionata, in negativo, dalla scarsa concentrazione dell’offerta produttiva e dal disequilibrio dei rapporti di filiera. Sono ostacoli insormontabili in modo evidente per le imprese meno strutturate, ovvero quelle collocate in una posizione negoziale più debole lungo la catena del valore. Una situazione insostenibile che si traduce in ridotte capacità d’investimenti, costi ingiustificati e profitti inferiori alle attese.

Continua a leggere

C.I.A. EMILIA ROMAGNA – VIA BIGARI 5/2 – 40128 BOLOGNA BO – TEL. 051 6314311 – FAX 051 6314333
C.F. 80094210376 – PEC: amministrazione.er@cia.legalmail.it

Privacy Policy  –  Note legali

WhatsApp chat