Notizie dalla Regione

In primo piano

Assemblea nazionale 2018

Assemblea nazionale Cia: l’intervento di Stefano Calderoni

Il presidente Cia Ferrara è intervenuto sul alcune importanti tematiche per il territorio e ha lanciato un monito contro il vuoto di contenuti dei politici in campagna elettorale

ROMA – Stefano Calderoni, presidente provinciale di Cia Ferrara, è intervenuto nel corso della VII Congresso di Cia Nazionale che si sta tenendo in questi giorni a Roma. Ad apertura del suo discorso ha elencato alcuni numeri che indicano la distanza dai servizi utili ed essenziali per molte aziende agricole del territorio ferrarese, riprendendo un tema molto importante per il settore: il progressivo abbandono delle aree rurali. “Sono 70 km quelli che separano alcune zone agricole ferraresi dal primo ospedale pediatrico, 100 quelli che devono percorrere i ragazzi per frequentare i principali istituti superiori e 110 quelli per arrivare ai luoghi ricreativi, per non parlare della mancanza di assistenza sanitaria prossimale.

Leggi tutto...

Ultime notizie

Incontro con Maurizio Martina

Agrinsieme incontra il ministro delle Politiche agricole Maurizio Martina
Un dialogo aperto in vista delle prossime elezioni per discutere dei temi e delle problematiche più rilevanti del settore, con l’obiettivo di rimettere l’agricoltura al centro dell’agenda economica e politica

FERRARA – “Più agricoltura, più futuro” è il tema dell’incontro che si è svolto presso la Coop Bellini di Filo di Argenta (Ferrara) tra il coordinamento di Agrinsieme Ferrara - che unisce Confagricoltura, Cia, Copagri e le cooperative agricole Fedagri-Confcooperative, Lega coop Agroalimentare e Agci-Agrital - e il ministro delle Politiche agricole Maurizio Martina. Un confronto aperto, al quale ha partecipato anche la senatrice Maria Teresa Bertuzzi, per parlare della necessità stringente di considerare l’agricoltura una vera e propria priorità, perché è capace di trainare l’economia e portare il nostro Paese verso la vera innovazione e un futuro più sostenibile.

Leggi tutto...

Servono interventi strutturali straordinari per affrontare i cambiamenti climatici

I periodi di siccità non sono eventi straordinari ma fanno ormai parte del clima e non si può affrontarli come emergenze, ma intervenire con una diversa gestione delle acque. Spiega Stefano Calderoni, presidente di Cia – Agricoltori Italiani Ferrara

FERRARA – L’assenza di piogge e le temperature elevate di questi giorni stanno mettendo in crisi le principali colture del territorio e riducendo in maniera preoccupante le risorse d’acqua per l’irrigazione, con il livello del Po sceso a un livello di soli quattro metri e mezzo. La Regione Emilia-Romagna ha chiesto al Governo lo stato di emergenza per la crisi idrica che ha colpito l’intero territorio regionale, una misura che per Cia – Agricoltori Italiani Ferrara è assolutamente necessaria e corretta, ma servono subito opere straordinarie per mitigare gli effetti del cambiamento climatico.

 

«Parlare di emergenza siccità o, al contrario, di emergenza per eccesso di pioggia non ha più senso – dice Stefano Calderoni, presidente provinciale di Cia – Agricoltori Italiani Ferrara. Il nostro clima ha subito modifiche che ormai fanno parte delle sue caratteristiche intrinseche, non sono fatti eccezionali ma delle costanti. Per questo, pur apprezzando le richieste dalla Regione per superare questo momento di crisi – pomodoro, secondi raccolti e tutta la frutticoltura è in forte crisi - crediamo che si debba uscire dalla logica emergenziale. Per affrontare cambiamenti straordinari servono misure strutturali straordinarie. Parlo di intervenire sul Po con un’opera capillare di bacinizzazione, come hanno fatto in altri stati con altri grandi fiumi – penso alla Senna o al Reno – per garantire il livello idrico dei bacini e la qualità dell’acqua. Il Consorzio di Bonifica Ferrara aveva già effettuato uno studio di fattibilità nel 2011-2012, poi accantonato per problemi di tagli di bilancio, che penso si dovrebbe rivalutare con attenzione. La creazione dei bacini e di sbarramenti impedirebbe all’acqua del mare di risalire quando le portate del fiume sono basse e risolverebbe il problema del cosiddetto “cuneo salino”, creato dall’acqua salata del mare, più pesante di quella dolce, che risale lungo il fiume.

Il sistema di bacini assicurerebbe, dunque, acqua dolce per irrigare i campi, anche in momenti di particolare siccità e in estate e gli agricoltori devono poter irrigare, seguendo naturalmente le regole, anche in queste condizioni. L’unica certezza dei produttori, invece, è l'aumento esponenziale del costo dei fattori produttivi: pompare l’acqua fino ai campi prevede un utilizzo straordinario di gasolio agricolo, e questo incide pesantemente sui costi di produzione e sull’ambiente. Inoltre allo sforzo degli agricoltori per salvaguardare le colture non corrisponde un riconoscimento economico alla vendita dei prodotti. Faccio poi un appello – conclude Calderoni – che, se dovesse perdurare questa situazione, vengano presto emanate ordinanze per limitare l’utilizzo di acqua per irrigare le aree verdi pubbliche e private. L’acqua è una risorsa troppo preziosa e deve essere utilizzata in maniera ponderata in ogni momento dell’anno ma soprattutto quando è scarsa come in queste settimane».

consulta la Guida per una spesa a filiera corta!

Agriturismo

Gli agriturismi dell'Emilia-Romagna associati Cia

Compro e Vendo

mercatino dell'usato agricolo emiliano-romagnolo

Joomla templates by Joomlashine